Le ultime

Bere un coup a Belleville

Sapendo che in questo quartiere multietnico i bar prosperano rigogliosi, un po’ come i ristoranti cinesi, farne una cernita è praticamente impossibile. Dopo aver difficoltosamente stilato una lista di pochi finalisti, ho quindi deciso di procedere attuando un delicatissimo calcolo incrociato che prendesse in considerazione, per ognuno, il numero di birre bevute, il numero di minuti passati all’interno o seduta in terrazza, e, non da ultimo, l’intensità del legame sentimentale che intrattengo con ognuno di essi. Ed ecco confezionata, con rigore che oserei definire pressoché scientifico, la mia classifica dei migliori bar di Belleville.

 

Aux folies - bellevilleAux Folies

8, rue de Belleville

75020 Parigi

Regina incontrastata del quartiere, Aux Folies giace all’angolo tra la rue de Belleville e la rue de Denoyez, accompagnato da un denso corteo di tavolini, che d’estate, ma spesso anche d’inverno, ne fanno una delle terrazze più amate dai vari radical e radical chic della capitale. All’ombra della sua luminosa insegna rossa in perfetto stile parigino, gli avventori sorseggiano birre a buon mercato, ‘ti punch, pastis e bicchierini di tè alla menta preparato in dosi industriali. Alcuni l’hanno scelto come loro quartier generale, molti parlano lingue straniere, i soliti personaggi girano là intorno alla ricerca di una sigaretta o quattro chiacchiere tra sconosciuti. Chapeau ai camerieri, stoici, che ne gestiscono la bagarre quotidiana con grande classe.

 

Le Zorba

137, rue du Faubourg du Temple

75010 Parigi

A vederlo da fuori non gli daresti una cicca, coi suoi quattro poveri tavolini esterni e la sua tenda sgualcita. Confrontato al folgorante viavai del Folies, a poche centinaia di metri di distanza, lo Zorba sembra il vicino un po’ sfigato. In realtà, è un indirizzo da tenere in considerazione (purché vi piaccia il genere), non soltanto perché a volte, nella saletta al piano inferiore, propone dj set e concertini, ma anche perché è uno dei pochi luoghi in città in cui, come per uno strano incantesimo (o più probabilmente per via dell’alcol), la gente, miracolosamente, ti parla. Poi non è sempre detto che la gente in questione sia di tuo gradimento. La mattina apre prestissimo, motivo per il quale è diventato una specie di luogo di ritrovo per chi, uscito dal Favela Chic o dalla Java, in orario da prima metro non ha ancora voglia di tornare a casa e viene qui a bere il dernier coup.

 

La mer à boireLa mer à boire

1, rue des Envierges

75020 Parigi

Allontanandosi un po’ dal boulevard, si sale lungo la rue de Belleville e poi, quando già, rivolgendo lo sguardo all’indietro, si riesce a vedere in lontananza il profilo della Tour Eiffel, si prende a destra nella rue Piat fino ad arrivare proprio sopra il parco di Belleville. Angolo relativamente poco trafficato e nemmeno troppo conosciuto, incredibilmente esente da turisti, offre una delle viste più belle della città. Più o meno come a Montmartre, ma senza aeroplanini che ti volano sulla testa, musicisti improvvisati che suonano “No woman no cry” e giapponesi che ti chiedono di fargli una foto. Ecco, proprio lì sulla piazzetta, all’angolo, la terrazza della Mer à boire, coi suoi tavolini colorati, approfitta a piene mani di cotanta bellezza. D’estate c’è la fila per sedersi fuori, d’inverno, se siete fortunati, potrete accaparrarvi il divano e restare lì tutta la serata a bere birrette e a giocare. Scacchi, Pictionary, il Gioco dell’Oca, la scelta è ampia e servirsene gratuito.

 

Café Chéri(e)

44, boulevard de la Villette

75019 Parigi

Un altro degli incontournables del quartiere, il Café Chéri(e) si frequenta in giornata, in serata, ma soprattutto in orario di aperitivo, fino alle 20, in virtù del suo invitante happy hour, con pinte a pochi spiccioli, e della sua terrazza dove prendere ancora qualche raggio di sole (quando c’è). E se avete voglia di far due zompi, non avete che da aspettare l’arrivo del dj, la musica è ballabile e il suono non male. Sedie scollate, tavoli recuperati chissà dove, l’atmosfera piace a una clientela eterogenea, bobos, fricchettoni vari e habitué del quartiere.

Share Button

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*