Le ultime

La Carte Vitale

Secondo la leggenda, se ne hai diritto, il numero di sécurité sociale ti viene attribuito automaticamente e la Carte Vitale ti viene recapitata a casa sentessera sanitaria franciaza che tu faccia proprio niente. Solo che non è vero. Effettivamente delle voci non confermate attribuiscono al datore di lavoro l’onere di avviare la procedura e qualche fantascientifica fonte afferma di aver visto il proprio numero di assicurato scritto a chiare lettere sulla propria busta paga, senza aver mai chiesto nulla a nessuno. Ecco, invece no. Ottenere la Carte Vitale è di solito un’operazione lunga e costellata di frustrazioni, un’attività che metterà alla prova i vostri buoni sentimenti e tutta la vostra riserva di pazienza.

È in sostanza la vostra iscrizione al sistema sanitario del paese e vi permette di essere rimborsati totalmente o in parte per le visite mediche, i medicinali, l’ospedalizzazione, le cure, e di ricevere un’indennità in caso di malattia.

Per farla semplice:

Carte Vitale = tesserino sanitario

Sécurité Sociale = INPS

Ne avete diritto se lavorate stabilmente in Francia da almeno tre mesi o se siete iscritti a un’università francese.

Per ottenerli, dovete inviare le seguenti scartoffie:

  • fotocopia di un documento d’identità
  • estratto di nascita nella versione internazionale in inglese, da richiedere al vostro comune di nascita
  • una busta paga se siete lavoratori o il certificat de scolarité se siete studenti
  • il RIB, ovvero le vostre coordinate bancarie

L’indirizzo è quello della Caisse d’assurance che corrisponde al vostro domicilio a Parigi.

Vi consigliamo comunque prima di fare una telefonatina al 3646, magari dopo tre giorni vi rispondono.

Poi, dopo aver inviato il tutto, riceverete una lettera con un formulario che dovrete compilare e corredare di una fototessera. Dopo un paio di settimane vi sarà consegnata la Carte Vitale.

Questo in teoria, in pratica credo di non conoscere nessuno a cui non sia stato chiesto di rimandare gli stessi documenti almeno quindici volte e a cui la Carte Vitale sia arrivata liscia liscia senza intoppi entro un quarto di secolo dalla richiesta.

Se invece siete arrivati in Francia all’avventura, cercate lavoro, ma non l’avete ancora trovato eppure siete qua da almeno tre mesi, avete comunque diritto alla CMU (Couverture Maladie Universelle) di base, che dà gli stessi diritti della Carte Vitale. Per farne domanda sono necessari:

  • fotocopia di un documento d’identità
  • libretto di famiglia, se avete delle persone a carico
  • documenti che attestino la vostra residenza in Francia: contratto d’affitto di più di tre mesi, ricevute d’affitto, bollette…

Il tutto dev’essere inviato o consegnato direttamente alla vostra Caisse d’Assurance Maladie.

Share Button

2 Comments on La Carte Vitale

  1. Utile e divertente! Mi piace un sacco!

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. Praticare yoga a Parigi

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée.


*