Le ultime

Encadrement des loyers, il top del top del cheap

Chi tra voi ha già sputato lacrime e sangue alla ricerca di un appartamento parigino avrà appreso con giubilo l’epocale novella dell’encadrement des loyers e forse addirittura affrontato calcoli macchinosi, curioso di scoprire se ha fatto bene a prendere in affitto il tanto sospirato 2 pièces o avrebbe fatto meglio a pazientare ancora per qualche settimana.

Il prefetto di Parigi, infatti, ha da poco firmato un decreto che inquadra i prezzi degli affitti. Questa misura è stata presa in risposta alla legge ALUR del 24 marzo 2014 che regolamenta l’accesso alla casa in tutti i centri urbani con più di 50.000 abitanti.

L’encadrement des loyers entrerà in vigore con il 1° agosto. Questo purtroppo non vuol dire che con il mese prossimo l’affitto sarà magicamente più basso (o più alto, opzione pur sempre possibile, seppur straordinaria). Il livellamento dei prezzi sarà valido soltanto per i contratti firmati o rinnovati a partire dal 1° agosto. Attenzione, sono soggetti al decreto anche i contratti rinnovati tacitamente, in genere dopo tre anni per gli appartamenti non ammobiliati e dopo un anno per quelli ammobiliati.

E ora cercheremo di sfoderare tutte le nostre intorpidite competenze matematiche per suggerire, soprattutto a chi a Parigi non ci ha mai messo piede ma magari farà il grande passo dopo l’estate, il top del top dei quartieri più economici. Per orientarvi, tra parentesi troverete le stazioni della metro corrispondenti.

(N.B. Il territorio cittadino è suddiviso in un’ottantina di quartieri. A ciascuno di essi corrisponde una griglia di prezzi al metro quadrato modulati in base al numero di stanze, all’anno di costruzione dell’immobile e alla variabile ammobiliato o meno. A ciascuna diversa combinazione di tutti questi elementi, corrispondono tre valori: il loyer de référence, il loyer de référence minoré et il loyer de référence majoré. Ecco, l’affitto che pagherete, dunque, non potrà essere più basso del loyer de référence minoré, né più alto del loyer de référence majoré.

Visto che non abbiamo voglia di ammorbarvi con ulteriori liste di prezzi, vi daremo qui una panoramica dei quartieri più economici per ciascuna tipologia di appartamento, soltanto tra quelli costruiti nel ventennio 1971-1990 e ammobiliati.)

Se vi volete divertire, www.referidf.com è la fonte ufficiale.

encadrement des loyers paris

Monolocale (20m²)

Tra 344 e 490 €

La Chapelle (La Chapelle, Marx Dormoy, Porte de la Chapelle)

Pont-de-Flandre (Corintin Cariou, Porte de la Villette…)

Villette (Riquet, Crimée…)

Amérique (Place des Fêtes, Pré-Saint-Gervais, Danube…)

Saint-Fargeau (Saint-Fargeau, Porte de Bagnolet…)

Gare (Bibliothèque François Mitterrand, Olympiades…)

 

Bilocale (40m²)

Tra 592 e 844 €

La Chapelle

Pont-de-Flandre

Villette

Amérique

Saint-Fargeau

Charonne (Buzenval, Maraîchers, Porte de Montreuil…)

Gare

 

Trilocale (60m²)

Tra 810 e 1158 €

Epinettes (Brochant, La Fourche, Guy-Môquet…)

Goutte d’Or (Barbès-Rochechouart, Marx Dormoy, Château Rouge…)

Hôpital Saint-Louis (Colonel Fabien, Belleville, Gare de l’Est, Louis Blanc, Goncourt…)

Porte Saint-Martin (Jacques Bonsergent, Château d’Eau, Strasbourg Saint-Denis, République)

Folie Méricourt (Parmentier, Oberkampf, Couronnes…)

Roquette (Voltaire, Charonne, Bréguet-Sabin…)

Quinze-Vingts (Gare de Lyon, Quai de la Rapée, Lédru Rollin…)

Parc de Montsouris (Saint-Jacques, Cité Universitaire)

Belleville (Belleville, Pyrénées, Jourdain, Couronnes…)

 

Quadrilocale e oltre (85m²)

Tra 1462 e 1020 €

La Chapelle

Pont-de-Flandre

Villette

Amérique

Saint-Fargeau

Charonne

Gare

Share Button

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée.


*