Le ultime

« Madame la maire, j’ai une idée »

budget participatif“Madame la maire, j’ai une idée”, con questo slogan il comune di Parigi invita i concittadini a co-costruire la città grazie a un meraviglioso dispositivo che si chiama “Bugdet participatif”. Già l’anno scorso ai parigini era stata data la possibilità di votare tra diversi progetti di interesse pubblico assicurando poi ai vincitori i mezzi economici per la realizzazione. Per intenderci, le proposte vincenti sono state cose del tipo giardini sui muri, il restauro e le creazione di opere d’arte a cielo aperto, la ristrutturazione dei kiosques nei parchi per farci suonare dei gruppi musicali… cose così, insomma, un po’ fricchettone, come piace a noi.

L’ottima notizia è che quest’anno il comune di Parigi ha deciso di fare un ulteriore passo avanti in questo spazio di partecipazione cittadina, dando ai parigini (tutti, ovvero anche a noi immigrati italiani di ultima generazione) l’opportunità di fare delle proposte. Largo dunque all’immaginazione. Avete un’idea su come fare per rendere le strade più a misura d’uomo? Per recuperare uno spazio in disuso nel quale intravedete un immenso potenziale? Per trasformare un luogo anonimo nel ritrovo di artisti o festaioli di quartiere? Accomodatevi, c’è posto per tutti. Basta iscriversi al sito e proporre: le idee saranno poi condivise, commentate, migliorate, rivisitate grazie all’interazione con gli altri internauti e infine votate democraticamente da chiunque lo vorrà. Ai progetti vincenti sarà assegnato un budget totale di 480 milioni di euro, ovvero il 5% degli investimenti globali del comune di Parigi.

Ci si può iscrivere già da subito, c’è tempo fino al 15 marzo 2015. E a settembre tutti al voto!

Share Button

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée.


*