Le ultime

Parigi LGBT: i nostri indirizzi

Scrivere una guida completa alla Parigi LGBT sarebbe una vera e propria fatica d’Ercole. Abbiamo quindi cercato di spulciare tra i molti bar, ristoranti e altri indirizzi per proporre una selezione di inconturnables (grandi classici, ma anche nuove tendenze) per coloro che, magari arrivati da poco, non conoscono ancora tutte le bonnes adresses.Paris_LGBT

Iniziamo dall’ovvio dell’ovvio. Il quartiere gay per eccellenza è il Marais, in particolar modo la zona compresa tra Rue de Rivoli (a sud), rue Saint Martin (a ovest) e Rue de Turenne (a est): in questa zona si trovano i più importanti punti d’incontro gay di Parigi… Il che non vuol dire che non ve ne siano altrove, anzi! Una passeggiata in questa zona, comunque, è un’ottimo inizio per chi è appena sbarcato in città. Nel Marais trovate anche il Centro LGBT  (63 rue Beaubourg Paris III) de l’Île de France. Aperto tutti i pomeriggi dal lunedì al sabato, è il luogo dove andare per avere qualunque tipo di informazione. Tantissime le associazioni che ne fanno parte e vi si riuniscono, da quelle che si battono contro l’omofobia, a quelle che si occupano della salute, ma anche associazioni culturali e sportive.

Locali lesbici

Purtroppo Le Troisiéme lieu, una delle discoteche lesbiche più fighe di Parigi, ha chiuso definitivamente tre anni fa, lasciando molte aficionados orfane per un po’… Per fortuna che per una porta che si chiude altre se ne aprono e che la scena lesbo parigina rimane ancora bella vivace e ricca di begli indirizzi! Eccone alcuni:

Champmesle (4 rue Chabanais, Paris II)

Come si suol dire in questi casi: un’istituzione. Aperto dal 1979, le Champmesle è il primo bar lesbo della capitale, ma tutti vi sono i benvenuti: trans, bi, etero… Aperto fino alle 4 del mattino, vi si organizzano spesso eventi e serate tematiche. Ogni settimana si tiene una serata “veggenza” e spesso vi si tengono spettacoli di cabaret!

Bar’Ouf (182 rue saint martin, Paris III)

Aperto circa tre anni fa, in pieno centro di Parigi, il Bar’Ouf è un bar dove si beve, si balla, si canta, si ascoltano i concerti, si gioca a biliardo (vi si organizzano tornei una volta al mese) e si ammirano expo di foto e di quadri. Bei concerti, bella musica, convivialità: l’ambiente è un po’ quello del baretto di quartiere e il clima che vi si respira anche. On adore!

MutinerieLa Mutinerie (176 – 178 rue Saint Martin, Parigi III)

Accanto al Bar’Ouf, la Mutinerie non è solo un bar, è un lieu de vie. Aperto nei locali dell’ex-Unity, storico bar femminista, è uno spazio di riflessione politica. Vi trovate una biblioteca femminista, dove potete prendere in prestito saggi e romanzi;  vi si organizzano ateliers, dibattiti su temi sociali e politici, e altre mille attività. Il luogo ha come vocazione quello di essere un punto di incontro per le donne, lesbiche, etero, trans e bi: per questo molte delle attività e degli incontri sono organizzati secondo il principio della non-mixité. Signori, passez votre chemin!

3w Café (8 rue des Ecouffes, Parigi IV)

3W sta per Women With Women: pensato per le “ragazze che amano le ragazze” è, nondimeno, aperto a tutti. Prezzi da club parigino, ma happy hour fino alle 21:00 (a volte le 22:00, ma anche in happy hour i prezzi non sono proprio popolarissimi). DJ set e musica elettronica o house fino alle 2:00. Organizza anche spettacoli e serate a tema.

Locali gay 

Banana Café (13 Rue de la Ferronnerie, Parigi I)

Rinnovato da poco, il Banana café è un grande classico della movida parigina. Prezzi nella media per il quartiere, grandi classici del pop serate a tema e clima caloroso: serate a tema, spettacoli… nonostante siano lontani i fasti di un tempo e il mito si sia impolverato resta uno dei luoghi delle notti folli della Parigi gay.

Rosa_BonheurRosa Bonheur (Parc des Buttes Chaumont, 2 avenue de la Cascade, Parigi XIX)

Questo bar immerso nel verde del parco des Buttes Chaumont è probabilmente il locale con la più bella posizione di tutta Parigi. Sulla terrazza immersa nel verde si arriva veramente a dimenticare di essere nel nord est parigino. Vi si mangia anche (e piuttosto bene, nonché locale e bio), ma ci si viene soprattutto per ballare la pop e la disco dagli anni ’70 in poi (con un bel po’ di anni ’80) e ci si diverte tantissimo. Purtroppo la posizione ne ha fatto un covo di bobo in camicia di cotone bio e vestitini vintage. La clientela gay lo adora, e lo invade soprattutto la domenica sera.

Café Voulez Vous (18 rue du Temple, Parigi IV)

Aperto da pranzo fino a dopocena è un bar/bistrot con dei prezzi onesti e una bella carta dei cocktails, frequentato sia da etero che da omo, tutti indistintamente bellocci, ben vestiti e tendenzialmente giovani ed hipster. Piatti un po’ più ricercati e musica meno alta rispetto alla media dei bar del quartiere.

Café Open (17, rue des Archives, Parigi IV)

Se abitate a Parigi da più di tre masi ci sarete senza dubbio passati davanti un centinaio di volte perché l’Open café si trova veramente nel cuore del Marais. Terrazza frequentatissima, come quella de La Perle (78 rue Vieille du Temple), è l’ideale all’ora dell’aperitivo. Servizio un po’ freddino, prezzi non proprio popolari, è un po’ il locale dove andare per vedere-ed-essere-visti.

Cud_BarCud Night Bar (12 rue des Haudriettes, Parigi III)

Questo bar, che nasconde una cave in pietra a vista dove si balla fino all’alba. Clientela giovane giovane, maschile (il week end le serate sono esclusivamente pour garçons!) e gay!

Cinema

Cari cinefili, la sala che fa per voi è il Luminor Hotel de Ville (20 Rue du Temple, Parigi IV). Ex-Nouveau Latina, unico cinema del IV arrondissement di Parigi, è stato acquistato nel 2014 da un gruppo di investitori provenienti dai diversi orizzonti del mondo del cinema: registi, produttori, distributori… Pur proponendo una programmazione “classica” di film mainstreem e di film art et essai, la loro linea editoriale è molto attenta ai film sull’omosessualità, sia prodotti di grosse case di distribuzione, sia piccoli film indipendenti. Vi si organizzano anche festival e retrospettive, come dimostra il weekend dedicato alla reprise dei film del Teddy Awards, famoso festival di film a tematica LGBT organizzato ogni anno a margine del Festival Internazionale del cinema di Berlino.

 Librerie

Ve ne avevamo già parlato nel nostro articolo sulle migliori librerie di Parigi, ma i due indirizzi da non perdere sono quello di Violette & Co. (102, rue de Charonne, Parigi XI), libreria femminista e femminile e quello de Les mots à la bouche (6 rue Sainte Croix de la Bretonnerie, Parigi IV), LA libreria LGBT di riferimento a Parigi.

Share Button

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée.


*