Le ultime

Paris Courts Devant, l’Italia all’onore

« Libre de ses mouvements, libre dans son financement, le court métrage est un terrain de jeu et d’expérimentation illimité, qui n’acceptera jamais d’autre contrainte que celle du temps » e fornisce ai registi « un espace indispensable d’expression de leurs rêves et de leurs désirs, de leurs convictions et de leurs questionnements ». Questa la definizione di cortometraggio secondo Julie Gayet, attrice e madrina di Paris Courts Devant, un appuntamento interamente dedicato a un formato cinematografico che spesso fatica a trovare il suo spazio.

07_Affiches_CDV_2015_Signée

Proprio oggi si apre l’11° edizione del festival parigino, una dieci giorni in cui si succederanno serate festive, tavole rotonde dedicate a profani e professionisti del settore, ma soprattutto tanti ma tanti corti che si disputeranno i premi della giuria e del pubblico per la competizione nazionale, internazionale o commedia. La selezione dei film che saranno proiettati in vari cinema della città lascia spazio alla fiction, al documentario, ma anche ai film musicali, alle web series e alle produzioni locali, girate in Ile de France.

Piccola sorpresa quest’anno per il pubblico italofono. Sarà infatti proprio l’Italia l’ospite d’onore di questa edizione. Il 13 dicembre il festival sarà dunque consacrato alla proiezione di opere nostrane. Nelle sale del cinema MacMahon, si comincerà alle 14 con 6 cortometraggi di ieri, si continuerà alle 16 con 6 cortometraggi di registi contemporanei, per finire alle 18:30 con una masterclass insieme a un professionista e un cocktail d’arrivederci.

Share Button

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée.


*