Le ultime

Questo weekend a Parigi

Visto che, come previsto, il weekend scorso io e Gloria non abbiamo fatto grand chose, per sabato 6 e domenica 7 abbiamo un bel po’ di idee per andare a far festa in giro per la capitale.

frozen_memories_2014_pierre_ardouvin_retour_dans-la_neige-maison-des-arts-de-malakoff_largeSabato alle 18 Gloria non mancherà al vernissage della mostra di Pierre Ardouvin alla Maison des Arts di Malakoff, Retour dans la neige. Il titolo promette un’installazione fatta a mo’ di percorso sotto la neve, un’esperienza sensoriale in un’atmosfera ovattata e anche un po’ misteriosa. Non conosco l’artista e nemmeno Gloria, credo, ma sentir parlare di “mémoire collective liée au monde du spectacle ou encore aux fêtes populaires” le basta e avanza per motivarsi.

Visto che avrà voglia di andare a sentire un concertino jazz, le alternative sono tre:

  • svenarsi all’Atelier Charonne, dove, prenotando la cena, nel prezzo fisso è compreso anche il jazz manouche;
  • andare al Caveau de la Huchette per un po’ di boogie woogie a 13 euro;
  • oppure infine optare per il Baroc: l’entrata è gratis e anche la birra è economica.

shabu shaUna cosa però è certa. Almeno un ristorante a weekend a Gloria non lo toglie nessuno. Questa volta la nostra pensa di ritornare da Shabu Sha, perché la prima volta che ci è stata le era piaciuto tantissimo. E’ un ristorante giapponese dove, per 25 euro, si mangia a volontà. Il concetto è: ti siedi al tavolo mentre davanti a te scorrono i piatti e tu puoi acchiappare quello che ti pare. Bisogna prenotare ma farlo in giornata è sufficiente e dal loro sito semplicissimo.

les-24h-du-tricot-truffautPer quanto riguarda me, invece, sono troppo curiosa di andare a dare una sbirciata alla 24h tricot e, perché no, sferruzzare un po’ in compagnia. Si tratta di una manifestazione organizzata da Truffaut, la catena di negozi per la casa e il giardinaggio, è una 24 ore dedicata al lavoro a maglia: dalle 18 di venerdì 6 alle 18 di sabato 7 non stop chiunque potrà contribuire alla lavorazione di una sciarpa. Se, alla fine della maratona, si saranno raggiunti i 100 metri di lunghezza, Truffaut devolverà 10.000 euro alla Fondation Abbé Pierre. Per partecipare bisogna iscriversi qui.

Penso che poi farò un salto all’Attiéké (31, boulevard Marcel Sembat – Saint-Denis) perché ci sarà un pomeriggio/serata di sostegno ai migranti di Calais. Chi vorrà potrà partecipare alla raccolta di vestiti, coperte, tende, libri in tutte le lingue (soprattutto inglese), pentole e quant’altro, seguirà un dibattito e alle 19 un concerto. Il prezzo consigliato è di 5 euro e tutto il ricavato è destinato alla lotta di solidarietà coi migranti.

fife 2015Domenica, invece, direzione Cinéma des Cinéastes, quartier generale del Festival international du film d’environnement, per un pomeriggio di corti e lungometraggi dedicati all’ambiente. Non vedo l’ora.

Share Button

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée.


*