Le ultime

Ristoranti insoliti a Parigi

In teoria in questo articolo dovevo consigliarvi i ristoranti che spopoleranno nel 2014. Insomma, un articolo un po’ in stile Bonbon o Mylittleparis, in cui trovare i posti veramente in nei quali andare a cena. Però il 2014 è appena iniziato, io ancora non ho avuto il tempo di testare neppure uno di questi indirizzi “da tenere d’occhio” come titolerebbero certi magazine e di fare un copiaincolla da questi siti per giovani parigini cool non è che sia proprio una cosa che mi fa venir voglia di mettermi a scrivere un articolo, detto tra me e voi.

Visto che siamo ancora a inizio anno, inoltre, sento ancora lo stimolo dei miei “buoni propositi” del 2014. Oltre a leggere più libri e trovarmi un vero lavoro (sottolineo vero), ho scritto con la mano tremante dell’ennesimo bicchiere di spumante: “osare di più”. Che cosa volessi dire con ciò lo ignoro, ma mi son detta: e se lo applicassimo anche ai ristoranti? Se siete stufi di mangiare al solito cinese o giapponese, di trascinarvi stancamente tra ristoranti tutti uguali eccovi la lista dei ristoranti più insoliti di Parigi, vuoi per la déco, vuoi per il menu, vuoi perché il padrone è completamente fuori di testa e basta. Senza dubbio non sarà esaustiva, anzi, diciamo che in quest’articolo vi presento i più “conosciuti”… ma se avete nuovi indirizzi da suggerirci fatelo! Il formulario per i commenti in basso è a vostra completa disposizione!

Un’ultima cosa: lo so, si tratta – spesso – di posti costosi, ma ogni tanto vale anche la pena concedersi il lusso di vivere al di sopra delle proprie possibilità. Almeno per una cena!

SUR UN ARBRE PERCHEMangiare seduti su di un’altalena, o in delle piccole capanne di legno? Dove se non a Parigi? Sur un arbre perché è un ristorante del secondo arrondissement nel quale potete realizzare anche questo desiderio. Ambiente accogliente, cucina contemporanea, volendo ci si può pure far massaggiare da dei professionisti del massaggio shiatsu. Sinceramente è un ristorante costoso, ma non eccessivamente.

Prezzi piuttosto onesti, invece, sono proposti da Auto Passion Café: ristorante del XIV arrondissement completamente dedicato al mondo dell’auto, delle corse sportive e della meccanica. Se il quadro è quantomeno originale, la cucina è classica e ben realizzata. Lo so, in molti starete storcendo il naso dicendovi: che tamarrata! Ma vi assicuro che per certi appassionati di Formula 1 che conosco io, un pranzo seduti sui sedili di auto sportive, circondati da cimeli d’epoca e con schermi che trasmettono non stop le migliori corse di sempre sarebbe un momento davvero simpatico.

 Sempre per la serie “déco insolita” eccovi qualche altro nome…

blue elephantIl Blue Elephant, se siete appassionati d’oriente: in un ambiente sovraccarico e “junglesco” è comunque la cucina tailandese ad essere messa in valore. Porzioni abbondanti e piatti ben presentati, tutte cose che si pagano.

Il Wagon Blue, dove potete mangiare come in un vagone ristorante del mitico Oriente Express. Anche qui i piatti sono i classici della tradizione francese, seppur ben realizzati… Diciamo che l’interesse sta più nell’ambiente che nel piatto! I prezzi, però, non sono poi troppo esagerati, il che lo rende un posto carino dove portare a pranzo il papà ferroviere!

Se invece avete veramente voglia di spendere per mangiare in un luogo eccezionale fatevi piacere andando al 1728. Il nome è l’anno di costruzione di questo hotel particulier. L’Hôtel Mazin La Fayette è un monumento storico riconosciuto dall’autorità competente, ma è soprattutto un luogo dove niente è lasciato al caso: i piatti sono preparati con la massima attenzione, serviti con i migliori vini e soprattutto in sale splendide, dove tutto lo splendore della storia e dell’arte europea si esprimono al meglio. Però vi conviene avere una carta di credito gold, altrimenti preparatevi a mangiare pane e cipolle per il resto del mese.

1708

 Se però temete che il troppo stroppi e fuggite dal kitch più che da ogni altra cosa per voi sarebbe meglio concedervi una cena al buoi? Dans le noir? in pieno centro, è un ristorante dal concetto semplice e affascinante: una cena che si svolge nell’oscurità totale. Seppur seduti con i vostri accompagnatori sarete seduti anche accanto a dei perfetti sconosciuti, con i quali sarà impossibile, data l’assoluta oscurità, non iniziare a parlare. Se l’idea è intrigante il menù lo è un po’ meno e le papille non escono estasiate da questa esperienza.

Ice_KubeSe amate, invece le sensazioni estreme, preparatevi al polo nord e fate rotta sul XVIII: l’Ice Kube è il luogo che fa per voi. Una volta entrati riceverete un piumino e dei guanti e, in modo molto graduale, verrete introdotti in questo bar completamente fatto di ghiaccio: in mezz’ora degusterete un certo numero di bicchieri di vodka diversi per aroma e produzione, ovviamente serviti in bicchieri di ghiaccio. L’esperienza è costosa, ma – se siete amanti della Vodka e sognate di poterla degustare come un vero russo – vale il suo prezzo.

Continuando a parlare di “esperienze”, un altro luogo atipico della gastronomia parigina è il Mistery cuisine, nel II arrondissement: soltanto 8 coperti in questo locale dove il cliente si sente veramente trattato da re. Il sommelier vi guiderà nella scelta dei vini e lo chef impiatterà le sue prelibatezze direttamente davanti ai vostri occhi. Per finire, riceverete la visita dell’alchimista di fiducia del ristorante… Commedia? Trucco? Potremmo anche parlare di magia. Peccato non poter pagare con un Abracadabra il salatissimo conto.

CruTorniamo con i piedi per terra, con due indirizzi abbordabili anche a noi comuni mortali: cari i miei salutisti, se ancora non lo conoscete il ristorante che fa per voi è il Cru. Come il nome lo suggerisce, la maggior parte dei piatti sono composti da pietanze crude: verdure, carne, pesce… Tutto è preparato con grande attenzione, con il minimo indispensabile di grassi aggiunti, senza cotture che snaturino l’apporto benefico degli alimenti. Vi sembra troppo? Non vi preoccupate, anche se non siete crudisti doc troverete quello che fa per voi, senza rinunciare alla forma: le cotture privilegiate dai cuochi, infatti, sono quella al vapore e quella alla griglia… Più leggero di così!

Il vostro kiff è la carne? Il ristorante che fa per voi è proprio sul bordo del Canal Saint Martin, e si chiama Bang! Ma di questo, ne abbiamo già parlato in un altro articolo!

Share Button

3 Comments on Ristoranti insoliti a Parigi

  1. Però, quante esperienze particolari si possono fare a Parigi… Alcune mi attraggono molto (sì, anche quelle un po’ kitsch), altre preferisco lasciarle a chi le sa apprezzare. Chissà se questi posti sono attrezzati per i bambini??

    • Qualcuno credo di si… Magari però i ristoranti « zen » non vedono troppo di buon occhio una giovane coppia con neonata urlante al seguito, che dici? 😉

      • Dico che invece sarebbe un ottimo allenamento… Se resistono per più di tre minuti al pianto di un neonato possono fregiarsi del titolo di « Zen » conquistato sul campo. Quasi quasi tengo dei corsi di formazione… 😀

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. San Valentino a Parigi, per romantici e non - Parigi Grossomodo

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée.


*