Le ultime

Telefono francese cercasi

Una delle prime esigenze quando arrivate in Francia è procurarvi una scheda francese. Non solo perché continuando ad utilizzare quella italiana spendereste un sacco di soldi, ma anche perché se sperate che un qualsivoglia francese (proprietario di un appartamento, possibile capo al lavoro, collega, ragazzo/a carino/a conosciuto/a in discoteca) vi richiami su un numero che inizia per 0039… Beh, continuate a sperare. Parigi grossomodo è qui per aiutarvi a scegliere la miglior soluzione per chiamare, scrivere messaggi… Insomma, restare in comunicazione col mondo senza dissanguarvi!

I telefoni cellulari

Due soluzioni si presentano al neofita dtelefoninoel sistema telefonico francese. La prepagata e il forfait (abbonamento). Hanno entrambe dei vantaggi e degli svantaggi, ma va detto che la bilancia pende decisamente verso il secondo in quanto a praticità e risparmio. Vediamo le differenze!

Le carte prepagate

Semplice, comprate una carte sim (detta colloquialmente pouce) e via via comprate il credito per ricaricarla. Quale è il problema? Che la vostra ricarica finisce molto presto perché il costo delle chiamate è piuttosto alto e soprattutto che ha una data di scadenza. Il che significa che se ricaricate di 5 € la ricarica dura una settimana, 10 € dureranno 2 settimane e così via. Cosa succede se alla fine della settimana non avete consumato tutto il vostro credito? Che si azzera automaticamente da solo. Simpatico vero? No, affatto.

Gli abbonamenti

Se la prepagata è il segno distintivo di chi è appena sbarcato, il francese e l’immigrato stabile hanno sempre e solo il forfait. Tra l’altro è un argomento piuttosto sfruttato per cominciare una conversazione: “Scusa cara, ma tu che forfait hai? Perché io vorrei cambiare operatore, il mio mi sembra un po’ caro…” I parigini adorano la tecnologia, specie i telefoni, e adorano lamentarsi delle spese. Vi sarete fatti un’amica in un battibaleno!

Scusate la digressione. Dicevamo, il forfait è la scelta più vantaggiosa, specialmente se pensate di restare in Francia per un periodo piuttosto lungo. I costi sono molto più bassi e soprattutto potrete scegliere la formula che fa per voi. Qualche esempio? Esistono forfait che per 2 o 3 euro al mese vi offrono sms e mms illimitati, forfait solo per le chiamate, forfait che comprendono le chiamate sui fissi all’estero… Insomma, ce ne sono per tutti i gusti. Su internet potete trovare dei comparatori di forfait, come questi: www.touslesforfaits.fr, www.edcom.fr, per trovare esattamente l’offerta che fa per voi.

 Le prestazioni e i parametri da valutare quando scegliete un telefono sono:

Prestazioni: chiamate, sms, mms ed internet (se mandate solo messaggi è inutile che abbiate le telefonate illimitate)

Parametri: Forfait bloccato o non bloccato (se ne scegliete uno non bloccato state moooolto attenti ai costi delle prestazioni hors forfait: una volta ho telefonato su un cellulare italiano per 10 minuti… la telefonata mi è costata quasi quanto un altro mese di abbonamento!)

Réseau: se scegliete un abbonamento con internet informatevi sulla potenza e sulle performances del réseau internet dei diversi operatori… Sarebbe un peccato avere un telefono che può navigare in rete e… non avere una buona rete su cui farlo navigare!

I forfait con tutte le opzioni in illimitato sono, a mio avviso, tra i più vantaggiosi: per avere telefonate, messaggi e internet illimitato quasi tutte le compagnie possiedono delle offerte intorno ai 20 € al mese… Se siete il tipo di persona che passa il tempo a telefonare e a scrivere agli amici è un’ottima soluzione.

L’unica accortezza da avere quando si fa un abbonamento è quella di informarsi bene sui costi delle prestazioni non comprese nel forfait. Un esempio? Se il vostro abbonamento prevede solo telefonate e messaggi, informatevi sul costo dell’accesso a internet, perché potreste avere una brutta sorpresa a fine mese. Fino a qualche anno fa i forfait chiedevano un engagement vincolante per 12 o 24 mesi, il che li rendeva poco adatti a chi pensa di restare soltanto qualche mese, ma ormai esistono moltissime offerte sans engagement, il che fa cadere anche l’ultimo grande svantaggio degli abbonamenti rispetto alle prepagate.

Come sottoscrivere un abbonamento

L’unico problema che si pone ai neoarrivati è che per aprire un forfait è che per sottoscrivere il contratto vi domanderanno un RIB. Non vi resta che aprire un conto in banca prima di lanciarvi nella ricerca del vostro abbonamento ideale.

L’acquisto di un telefono

L’ultimo dei vantaggi dei forfait, infatti è che spesso permette l’acquisto di un telefono a prezzo ridotto e pagando qualche al mese in più rispetto al costo del forfait. Ecco spiegato perché in metropolitana tutti (ma proprio tutti) hanno degli smartphone! Fino a poco tempo fa l’acquisto del telefono era legato ad un engagement minimo di 12 mesi con la compagnia telefonica, ma ultimamente il mercato sta cambiando… Se morite dalla voglia di avere un Iphone, siete nel paese giusto!

Share Button

2 Trackbacks & Pingbacks

  1. Parigi e i buoni propositi - Parigi Grossomodo | Parigi Grossomodo
  2. La nostra Bibbia della Vita Pratica a Parigi - Parigi Grossomodo

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée.


*