Yoga a Parigi – Parte 1 Hatha e Vinyasa

Partiamo da un presupposto: lo yoga – anche nella sua forma meno complessa e basata principalmente sulla pratica delle asana che si è diffusa in occidente – è un universo ricchissimo e complesso, fatto di infiniti stili di pratica, di numerosissime varianti, sfumature, scuole… Insomma, ci verrebbe quasi da dire che ci sono tanti modi di praticare lo yoga quanti yogin che lo praticano!

L’obiettivo di questo articolo non è quindi quello di dibattere della legittimità o meno dei diversi approcci a questa disciplina, ma quello di rassicurarvi sul fatto che qualunque sia ciò che cercate da un corso di yoga a Parigi lo troverete. L’offerta, infatti, è impressionante: dai posti chic ed esclusivi alle associazioni di quartiere che propongono corsi collettivi ad offerta libera; da luoghi nei quali potete formarvi anche alla filosofia yoga tra una pratica e l’altra a posti in cui le posture sono proposte più come un pretesto per fare sport o divertirsi. Ce n’é per tutti i gusti!

Per trovare il posto adatto a voi, il nostro consiglio è uno solo: provare, provare, provare. Quasi tutti  i centri offrono cours d’essai a prezzi più o meno ridotti e formule di prova del tipo “corsi illimitati per una settimana”. Una volta individuata la vostra scuola del cuore, sappiate che piuttosto che fare un abbonamento è prassi comune fare una carta che includa un certo numero di lezioni.

Un’ultima cosa: moltissime palestre (per non dire tutte) propongono dei corsi di yoga ai loro abbonati. Nella nostra lista non le abbiamo prese in conto perché citarle tutte sarebbe stato semplicemente impossibile.  Questo non significa che per fare yoga dovete andare nel centro più hype della capitale o partire un mese in un ashram sull’Himalaya; ci sono ottimi professori che insegnano anche in palestre “generaliste”: l’importante è che sia quello adatto a voi!

 

Yoga a Parigi: i nostri indirizzi

Se quello che cercate, oltre a praticare lo yoga in sé, è un luogo piacevole, una bella sala dalla déco accogliente e non priva di eleganza, a Parigi non sarete delusi.

 

Fan del Vinyasa?

Hélène Duval è uno dei nomi che sentirete spesso menzionare nel microcosmo dello yoga chic parigino. La sua marca YUJ, specializzata in abiti e tappeti da yoga ecologici, è una delle più alla moda del momento… E anche i suoi studi! Nel giro di un paio d’anni, la coach preferita dai media parigini ha aperto ben 6 sale, sparse tra i quartieri più chic di Parigi e sobborghi. Yuj propone diversi tipi di pratica, dallo Yin yoga, lento e meditativo, a diversi tipi di Flow molto più intensi, in un’atmosfera accogliente e rassicurante, riscaldata da lampade infrarossi che aiutano a rilassarsi. Luoghi splendidi e fascia di prezzo medio-alta!

© YUJ

Per gli amanti del Vinyasa e delle pratiche dinamiche, i due nomi sulla bocca di tutti questo inverno sono i centri Riise e Poses. Ciascuno ha due indirizzi e una moltitudine di corsi diversi, con un denominatore comune: una pratica intensa per stimolare il corpo, allenarlo… e sudare! Simili anche nei prezzi, con queste due sale restiamo nella fascia medio-alta delle sale parigine.

© RIISE

Gli indirizzi:

Riise

  • 9, rue Charlot Paris III
  • 43, rue Etienne Marcel Paris II

Poses

  • 21, rue des Filles du Calvaire Paris III
  • 6, rue de l’Échiquier Paris X

Yuj

  • 68 rue Jean-Jacques Rousseau, Paris I
  • 11 rue Edmond Valentin, Paris VII
  • 9 rue Magellan, Paris VIII
  • 68 rue des Martyrs, Paris IX
  • 2 rue Gounod, Paris XVII
  • 162 rue d’Aguesseau, Boulogne-Billancourt

 

Hatha e tradizione

Lo yoga, ovviamente, non è soltanto una pratica fisica o sportiva. Nella mia esperienza le scuole nelle quali si pratica hatha yoga sono spesso più inclini ad avere dei corsi più completi dal punto di vista dello yoga tradizionale. Spesso, infatti, oltre alla pratica delle asana (le posture), includono l’insegnamento delle diverse tecniche di pranayama (respirazione) e di meditazione.

Se è quello che cercate, potete cominciare andando al Centre du Yoga du Marais, dove – oltre alla pratica dello yoga, alla respirazione, alla meditazione – potrete apprendere anche le basi teoriche della filosofia yoga.

© CENTRE SIVANANDA

Per quanto mi riguarda, il mio posto preferito in assoluto è il centro Sivananda, un ashram vicino alla Gare de l’Est. Qui si pratica lo yoga Vedanta, un tipo di yoga classico. Si tratta di un approccio molto spirituale, al quale si deve aderire per poterlo apprezzare: ogni pratica inizia e finisce con la respirazione, la meditazione e il canto delle preghiere. Oltre ai corsi aperti al pubblico e agli stage di formazione, al centro si tengono anche conferenze e corsi pratici, ad esempio sul pensiero positivo o sulla cucina ayurvedica. Trattandosi di un’associazione si deve aderire ogni anno, ma una volta pagata la quota, i corsi sono decisamente molto economici rispetto alle altre scuole. Il primo corso, come in molti altri centri, è gratuito e all’ashram vengono organizzate spesso delle giornate portes ouvertes.

© JIVAMUKTI

Sul Canal Saint Martin troverete anche la scuola Jivamukti, uno spazio di più di 400 mq dedicati allo yoga in quanto filosofia totale: non soltanto le posture, ma anche lo studio dei testi, il canto dei mantra e la connessione con la Madre Terra. Qui troverete un planning fittissimo e ricco, dei corsi di yoga tradizionale di più di un’ora e mezzo, dei corsi di Ashtanga, delle classi Myosore e un caffé vegano.

Un luogo veramente fuori dallo spazio e dal tempo.

Gli indirizzi:

Centre du Yoga Marais

  • 72 rue du Vertbois, Paris III

Sivananda

  • 140 Rue du Faubourg Saint-Martin, Paris X

Jivamukti

  • 92 Quai de Jemmapes, Paris X

 

Non siete ancora convinti di aver trovato quello che fa per voi? 

Andate a dare un’occhiata al nostro secondo articolo sullo yoga, nel quale vi parliamo delle scuole di Ashtanga… e di tante altre declinazioni dello yoga!

 

Grazie a Mario del Gaudio per i consigli!

Foto di copertina di Ginny Rose Stewart su Unsplash

Informazioni sull'autore

CHI SIAMO

Dal 2013, Italiani a Parigi.

Torna in alto