Yoga a Parigi – Parte 3 – Le astuzie per risparmiare

Concludiamo la nostra serie di articoli sullo yoga a Parigi, dopo aver esplorato le sale di Hatha e Vinyasa e quelle dedicate all’Ashtanga, con qualche consiglio dedicato a chi ha un budget ridotto da dedicare alla sua pratica… Perché non c’è ragione che lo yoga resti una disciplina per pochi privilegiati!

Budget ristretto? Pas de soucis!

Lo yoga si è guadagnato la nomea di attività costosa, quasi “di lusso’”… Ma non fatevi ingannare dalle apparenze: si può praticare yoga per pochi euro, o addirittura gratuitamente.

Come? Ecco qualche dritta!

Per iniziare, potete fare un giro su Yoga solidaire:  questa community di professionisti dello yoga, ha come obiettivo quello organizzare corsi adatti a tutte le tasche, inspirati dal modello americano Yoga for the people. I prezzi sono imbattibili, con i corsi che non superano mai i 12€ e i professori sono mossi da un reale desiderio di democratizzare questa disciplina.

Non trovate un orario che vi convenga? Niente panico e scaricate l’applicazione Oly Be: questa app recencisce decine di lezioni di yoga al giorno. Il costo di un corso si aggira intorno ai 9€, e delle riduzioni sono previste per gli studenti e i disoccupati.

Ricchissima anche la proposta delle sale Swedish Fit: tra i vari corsi presenti nelle sale di questo gruppo, anche molti corsi di yoga, a un prezzo decisamente allettante rispetto alle sale tradizionali!

A Parigi non mancano neppure le occasion per praticare yoga gratuitamente: solo per citare alcuni luoghi possiamo consigliarvi il Wanderlust (tutte le domeniche alle 12:30), il 104 (diversi orari nel weekend, verificate sul loro sito) o l’associazione Sahaja Yoga.

Non avete veramente più nessuna scusa: ai vostri tappetini, pronti… Om!

 

Foto di Anupam Mahapatra e diJunseong Lee su Unsplash

Informazioni sull'autore

CHI SIAMO

Dal 2013, Italiani a Parigi.

Torna in alto